In offerta!

KARMIS

9,9010,50

Karmis Bianco di Tharros IGT   – Cantina Contini-  Bottiglia da 750ml

21 disponibili

Compara

Share this product

Descrizione

Karmis Bianco di Tharros IGT

CARATTERISTICHE

DENOMINAZIONE :Isola dei Nuraghi IGT
VITIGNI:Vernaccia 70%, Vermentino 30%
GRADAZIONE: 13.5%
VIGNETI: Su terreni alluvionali, sabbiosi e leggermente argillosi nella Valle del fiume Tirso nel Sinis
VINIFICAZIONE: Pressatura soffice e fermentazione in acciaio a temperatura controllata
AFFINAMENTO:Alcuni mesi in acciaio e in vasche di cemento vetrificato

Il Karmis di Contini è un bianco intenso, solare e mediterraneo, che nasce in Sardegna nella splendida area incontaminata della penisola del Sinis e della valle del fiume Tirso. È un vino dal profilo tipicamente territoriale, realizzato con due vitigni classici della zona: la Vernaccia di Oristano e il Vermentino. Lungo la costa occidentale dell’isola, le due varietà si esprimono con grande ricchezza e maturità di frutto, unite a un carattere iodato, sapido e marino che ne segna il volto come una vera e propria cifra stilistica del terroir. Profumato, fruttato e dal sorso armonioso, è ideale da abbinare a un menù di mare.

Il vino Contini Karmis è il frutto del lavoro di una delle cantine più rappresentative della Sardegna. Contini è stata fondata verso la fine dell’Ottocento e ha sempre lavorato per produrre vini di qualità in grado di valorizzare i vitigni autoctoni del territorio del Sinis. Il vino viene realizzato con le uve di Vernaccia di Oristano e Vermentino, che provengono da vigne coltivate nella valle del fiume Tirso. Il clima caldo e mediterraneo, mitigato dalle brezze del mare e dal Maestrale, e i terreni di natura prevalentemente alluvionale, caratterizzati dalla presenza di sabbie, sono particolarmente indicati per la coltivazione delle uve a bacca bianca. Al termine delle operazioni di vendemmia, i migliori grappoli, selezionati direttamente in vigna, sono sottoposti a una pressatura soffice. Il mosto viene avviato alla fermentazione in serbatoi d’acciaio inox a temperatura controllata e il vino matura in vasche di cemento vetrificato e acciaio per alcuni mesi prima d’essere messo in vendita.

Il bianco Karmis è una delle etichette più rappresentative della cantina sarda Contini.  Nel calice si presenta di colore giallo chiaro, intenso e luminoso. Il quadro aromatico è ricco e ampio con note di agrumi, scorza di cedro, frutta gialla matura, ananas, cenni di frutta tropicale, sfumature di zagara e fiori d’acacia. Al palato ha una buona struttura, con un sorso morbido e ricco, piacevolmente aromatico, che accompagna verso un finale sapido di grande freschezza. Un bianco di grande personalità, che esprime il gusto autentico della Sardegna.

ColoreGiallo paglierino intenso e brillante

ProfumoNote di cedro, ananas e fiori bianchi

GustoMorbido e beverino, di buona sapidità e freschezza e finale aromatico

Brand

Cantina Contini

STORIA La lunga storia dell’azienda Contini inizia nel 1898, grazie a Salvatore Contini e al suo istinto imprenditoriale. Il vino dell’epoca era la Vernaccia e Salvatore si dedicò totalmente alla sua valorizzazione. I successi futuri gli diedero ragione: Salvatore ricevette la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Milano del 1912 per la produzione della Vernaccia di Oristano, primo vino in Sardegna a ottenere la denominazione di origine controllata a partire dalla vendemmia 1971. Negli anni ’30, Salvatore venne affiancato dal figlio Attilio che prese in mano le redini dell’attività alla vigilia della seconda guerra mondiale. Negli anni ’60 l’azienda, fino ad allora familiare, si consolida anche grazie all’acquisizione di uve di produttori locali che aumentarono la capacità produttiva. Gli anni ’80 rappresentano un momento di svolta per l’attività della cantina, perché i tanti cambiamenti storici e sociali influiscono sui ritmi di vita dei consumatori. È in questo periodo di transizione che i Contini individuano un’importante possibilità di crescita. La cantina avvia la produzione di nuovi vini dedicati a un pubblico più giovane e dinamico, senza mai trascurare il legame con il territorio sardo. La lunga storia della cantina continua. PROGETTI Mamaioa in lingua sarda significa “Coccinella”, simbolo del mondo della natura e dell’ambiente incontaminato. Nato nel 2010 dalla volontà di ascoltare le esigenze dei consumatori sempre più attenti alla qualità e alla genuinità dei prodotti scelti, il progetto Mamaioa produce due vini ottenuti da uve coltivate secondo i dettami dell’agricoltura integrata, con un bassissimo livello di solfiti. Nel 2015 l’azienda raddoppia i suoi sforzi passando dalla produzione integrata al biologico certificato con un’attenzione sempre maggiore alla produzione in tutte le sue fasi e all’ambiente circostante. Ecco perché la coltivazione delle uve avviene con il solo utilizzo di sostanze naturali e senza l’impiego di organismi geneticamente modificati. Persino i processi di vinificazione in cantina si limitano all’utilizzo di prodotti autorizzati nel rispetto del rapporto con il territorio e la natura. I vini biologici Mamaioa Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau di Sardegna DOC sono il risultato degli sforzi compiuti alla ricerca della qualità  nel rispetto della nostra terra. TENUTE: Circa 100 ettari lungo la penisola del Sinis, la valle del Tirso e le pendici del Monte Arci: le tenute della famiglia Contini abbracciano un angolo suggestivo dell’isola, reso prezioso dalla qualità delle sue terre. I dolci inverni e le calde estati accarezzate dal fresco vento di maestrale creano nel territorio del Sinis il microclima perfetto per la coltivazione delle uve Vernaccia e Nieddera. Siamo nella bassa valle del fiume Tirso il cui suolo è composto da ciottoli e argille con sedimenti limosi e sabbiosi. I numerosi vigneti sono gestiti, in accordo con l’azienda, da un gruppo di coltivatori storici ormai da diverse generazioni nel rispetto della tradizione viticola del territorio. Un secondo corpo di vigneti di circa 50 ettari sorge nell’entroterra del golfo di Oristano alle pendici del Monte Arci. In questo ambiente, caratterizzato da estati molto calde e asciutte e inverni miti ma piovosi, vengono coltivate principalmente le nostre uve Vermentino e Cannonau. Il suolo di origine vulcanica rappresenta la particolarità di questa zona, grazie alla notevole presenza di ossidiana. Il vetro vulcanico nero lucente ha svolto un ruolo importante nel territorio sin dal neolitico. Veniva infatti raccolto e usato per costruire armi, utensili da taglio e strumenti di lavoro. Per diversi millenni, sino all’età del bronzo, l’ossidiana è stata una risorsa fondamentale, considerata l’oro nero del Mediterraneo. Queste terre ricche di scheletro e limo, quasi simile al talco per lo sgretolamento dell’ossidiana, donano ai Cannonau e ai Vermentini Contini una personalità originale rafforzando ancora di più il legame con la propria terra. L’Azienda Contini ha intrapreso da alcuni anni un percorso di ampliamento che la vede coinvolta in alcuni progetti in diverse aree della Sardegna, zone storicamente importanti per alcune produzioni di eccellenza. Vigneti in Gallura: alcuni ettari nel nord Sardegna dedicati alla produzione di uve Vermentino di Gallura. Il terreno, da disfacimento granitico, dona al Vermentino una particolare mineralità. Vigneti in Barbagia: alcuni ettari dedicati al cru di Cannonau. Terreni da disfacimento granitico a 600 mt s.l.m. che regalano al vino eleganza e finezza con sentori inconfondibili. Vigneti a conduzione biologica: da un modello di  sviluppo sostenibile  basato sui principi di salvaguardia e valorizzazione delle risorse e dell’ambiente, una vigna situata nella zona nord occidentale dell’isola, su terre bianche, irraggianti che donano ai vini particolare finezza ed eleganza.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “KARMIS”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[]